Skip to content

INVESTIRE PER FAR CRESCERE L’ATTIVITÀ

In molti pensano che siano i soldi che fatturano e mettono da parte a dimostrare il successo del loro progetto. Invece, oggi, qui, voglio spiegarti che è molto più utile spendere, o meglio, investire per far crescere l’attività.

Per sapere quanto puoi mettere a budget, mi auguro che tu abbia un migliore amico che si chiama Business Plan: uno strumento imprescindibile per capire in ogni momento se la tua idea di impresa sta in piedi e se sta fruttando quanto dovrebbe.

Se vuoi capire cos’è ho scritto un articolo sul Business Plan in Pratica che ti facilita la vita.

 

Come investire per far crescere l’attività

C’è una frase molto popolare che spesso viene citata nel digital marketing: “o ti formi o ti fermi”.

E io sono totalmente d’accordo. Come sono d’accordo sul fatto che ormai online ci sia tanto di quel materiale gratuito, declinato per ogni argomento, da perdersi.

Quello è utile se vuoi farti un’idea iniziale su un certo contenuto, ma non è sufficiente. Potrebbero infatti essere informazioni ormai obsolete per quello che vorresti imparare.

Ricorda che il tempo perso, equivale a denaro perso.

Quindi il mio primo consiglio su come investire per far crescere l’attività riguarda proprio questo.
Se lavori online, sai quanto sia importante l’aggiornamento continuo con contenuti freschi e allineati con l’algoritmo.

Ecco perché il mio consiglio spassionato è quello di investire in formazione e strategia e di affidarti a unə buonə professionista sia nell’avviamento di un nuovo business, sia quando hai intenzione di rafforzare e consolidare i tuoi risultati.

Puoi focalizzare l’attenzione su alcuni aspetti, che se non presi in carico adeguatamente, potrebbero tramutarsi in errori strategici o trasformarsi in nodi che impediscono lo sviluppo positivo del tuo fatturato.

 

Quali investimenti fare per Crescere

Puoi agire in diversi modi e su diversi fronti. Abbiamo già parlato dell’importanza della formazione ma c’è anche un secondo aspetto sul quale ti invito a riflettere: l’opportunità di investire nella delega.

Prima di finire sull’orlo di un burnout, verifica cosa puoi delegare e affidati ad una professionista che compia, al posto tuo, tutta quella parte di attività che richiedono tanto del tuo tempo per essere svolte, ma che non sono direttamente collegate alla tua proposta unica di valore.

Di solito la resistenza a chiedere l’aiuto di un’altrə professionista, dipende fondamentalmente da 3 fattori:

  • mancanza di organizzazione e di consapevolezza sui processi
  • bisogno di controllo
  • scarsa fiducia che altrə possano fa bene quella cosa, proprio come la faresti tu

Quindi dedica un po’ di tempo a creare delle procedure per riuscire a condividere i tuoi obiettivi, a raccontare cosa ti aspetti di ottenere attraverso quella delega, a spiegare come vuoi che quel lavoro venga svolto.

So che all’inizio è difficile fare questo passo, ma -ti assicuro- che poi ti chiederai perché non lo hai fatto prima.

La prossima settimana ti racconto cosa devi fare per capire se te lo puoi permettere, tu nel frattempo puoi fare (o ri-fare) #happymoneyrevolution per scoprire come avere piena consapevolezza di tutte le tue voci di spesa, sia personali che lavorative. Segui questo link per frequentare questo percorso gratuitamente.

CONDIVIDI

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
error: Contenuto protetto